Villa F

Una villa che interagisce con l’orizzonte e porta all’interno un giardino mediterraneo subtropicale d’autore. Un progetto dal carattere forte firmato Iraci Architetti.

Il parco della villa è progettato da Piante Faro. Pareti interamente vetrate, pavimenti in travertino Navona e volumi in travertino Brown, annullano ogni confine tra esterno e interno. Il tavolo in ferro è su disegno di Iraci Architetti, come il mobile sospeso con cucina a scomparsa.

Segue la linea della piscina il grande living pensato per accogliere tanti amici. Compenetrazione degli spazi e trasparenze nel volume in travertino brown che nasce semi ipogeo, nella zona relax e wellness, si collega al living e da una scala esterna contigua porta in terrazza. Il progetto è nato attorno a una rara pianta subtropicale, la Shefflera Actinophylla, di 14 metri.

Un progetto di architettura dalla forte intensità espressiva che nasce, cresce e prende il volo dall’interazione con uno straordinario landscape. Ma anche da un rapporto di profonda amicizia tra gli architetti progettisti Antonio Iraci e Carla Maugeri e i committenti Michele Faro,proprietario con il fratello di Piante Faro, vivaio noto in tutto il mondo, e la moglie Giusi Aricò, farmacista.

La villa si sviluppa su tre piani e gioca con volumi che nascono semi ipogei. Con la Shefflera che dalla zona wellness e relax attraversa il soggiorno affacciato sulla piscina, sfiora la scalinata esterna in marmo fino alla terrazza della zona ospiti e convivialità, legata all’altra passione del committente: la vigna sulle pendici dell’Etna. Materiali pregiati in diverse cromie legano o differenziano gli spazi, creando equilibri tra vuoto e pieno, trasparenza e matericità, continuità tra interno ed esterno. Anche l’interior design è stato scelto in sinergia perfetta con l’architettura, con una palette cromatica delicata; la selezione di arredi, mai scontata e spesso su progetto, comprende materiali naturali, legno, metallo, tessuto, marmo.

Il sogno dei committenti era quello di creare una grande architettura in un contesto naturalistico forte; una casa piena di vitalità, di grande respiro, intima per la famiglia, aperta per gli amici, vivibile tra interno ed esterno in ogni stagione, con ampi spazi flessibili da poter chiudere con pareti scorrevoli. Il promontorio che supera la vista di Acireale, gioiello del barocco dalle tante chiese, per lanciarsi verso il mare Ionio, era il posto giusto per realizzare questo progetto. I committenti hanno lasciato carta bianca ai progettisti, sicuri che avrebbero costruito una casa che interagendo con il paesaggio ne avrebbe valorizzato le vedute, il mare oltre i pini incorniciato da vetrate continue, l’Etna attraverso il frangisole in listoni in legno. Tra le piante più belle c’è la Chorisia Insignis, enorme albero con tronco a forma di bottiglia originario del Sudamerica.

Lineare, scura, la cucina Boffi è risolta con due importanti volumi paralleli, alla stessa altezza, uno per la dispensa e l’altro per il bancone che si allunga per integrare l’area snack. Ai lati del mobile a tutt’altezza, sempre Boffi, le due vetrate si aprono sul frutteto e l’orto.

Il terzo piano della villa sembra fluttuare nell’aria, privo di ogni pesantezza, semplicemente appoggiato sul volume a livello giardino. Tavolo da pranzo e poltroncine di Paola Lenti. Dall’interno all’esterno con il living e la cucina, un muro rivestito in travertino Brown tra fuori e dentro, le pareti vetrate, gli affacci sul verde, riassumono i temi guida del progetto.

Ultime notizie

Leggi tutto
Senza categoria

2000/2020 Design Super Show

SplendorOfMarble_Cover
Leggi tutto
Senza categoria

Splendor of Marble

Leggi tutto
Senza categoria

Segni grafici su travertino

Leggi tutto
Senza categoria

Le tonalità bianche e glaciali del Cristallo Iceberg

Leggi tutto
Senza categoria

Geometrie minimali

Ingressi di Milano
Leggi tutto
Senza categoria

Ingressi di Milano

Lorenzo Palmieri
Leggi tutto
Senza categoria

Il marmo è creatività – Cosa pensa Lorenzo Palmieri della pietra naturale

Ernst Knam
Leggi tutto
Senza categoria

Il marmo è solidità – Cosa pensa Ernst Knam della pietra naturale

Kadokawa Kultur Museum, ventimila lastre di granito.
Leggi tutto
Senza categoria

Kadokawa Kultur Museum, ventimila lastre di granito.

Iscrizione newsletter